Rimettere al mondo, il mondo

Autore

Andrea Donegà
Andrea Donegà, nato a Como il 26 novembre 1981, e residente a Senna Comasco, convive con Francesca ed è papà di Samuele, Tommaso e Carlotta. Da marzo 2021 si occupa, per la Cisl Lombardia, di politiche migratorie e giovanili, incarico arrivato dopo 3 anni da Segretario Generale della Fim Cisl Lombardia. Laureato in Sociologia, lavora per qualche tempo con contratti precari e successivamente come educatore, sulla spinta delle diverse esperienze di volontariato, con l’associazione di don Gino Rigoldi, negli orfanotrofi della Romania con i bambini abbandonati. L'impegno sociale, sviluppato in quegli anni, diventa lo stimolo per iniziare nel 2007 l'avventura sindacale nell’allora Cisl di Como (oggi Cisl dei Laghi dopo l’unione con la Cisl di Varese) che stava aprendo le porte a giovani provenienti dall’associazionismo e da percorsi scolastici, occupandosi prima di Inas (patronato) e Anolf (sportello migranti) e poi di lavoratori atipici. Nell'aprile del 2010 passa alla Fim Cisl di Bergamo dove, dal dicembre 2014, è componente della segreteria provinciale. Da marzo 2015 a dicembre 2017 ha ricoperto anche il ruolo di Coordinatore nazionale dei Giovani Fim Cisl con i quali ha organizzato tre campi scuola-lavoro nei terreni confiscati alla camorra nel casertano, con i giovani delegati metalmeccanici. Il 16 dicembre 2015 viene eletto nella Segreteria Regionale della Fim Cisl Lombardia struttura di cui, appunto, è Segretario Generale dal 27 novembre 2017 al 15 febbraio 2021. Da quella data si occupa di politiche migratorie e giovanili per la Cisl lombarda.

Abbiamo ancora tutti impressa nella mente la bellissima, ed emozionante, immagine del piccolo Matteo, il bimbo di sette mesi positivo al Covid e reduce da un intervento chirurgico, coccolato da un’infermiera nella solitudine del suo lettino d’ospedale. Se pensiamo al concetto di trauma credo che in questa immagine ci sia tutta la sua essenza: la madre, lontana dal bambino, anch’essa positiva al Coronavirus; il bimbo solo nella sua fragilità, separato dalla sua mamma, consolato da un’infermiera dal cuore generoso che lo accarezza con mani calde protette da guanti, gli regala sorrisi nascosti dalla mascherina e sguardi amorevoli protetti da una visiera appannata. Se pensiamo poi che nella prima fase della sua vita il bambino ha, appunto, bisogno di sguardi, sorrisi, parole e carezze, possiamo solo immaginare gli effetti negativi che vivranno tutti i bambini che si stanno abituando a vedere mascherine e non volti e a dimenticare i caldi abbracci. Tutti noi abbiamo sempre vissuto il trauma come un evento, anche improvviso, sicuramente doloroso, che in qualche modo ci segna ma che immediatamente dopo ci pone davanti a una fase nuova che abbiamo il compito di colorare di speranza e di bellezza.  

Quante volte abbiamo sentito ripetere, o abbiamo pronunciato, la frase “via il dente via il dolore”? Una sorta di alert che scatta ogni qual volta ci troviamo davanti a una situazione difficile o ad un trauma da affrontare. Una voce popolare, nata ovviamente attorno al momento in cui il bambino si trova alle prese con il dondolio del dentino a cui porre fine per non sentire più male e fare spazio al nuovo dente che segna anche un passo in più verso la vita adulta, un avanzamento, un momento di crescita quindi. Una fase che presuppone anche il coraggio di affrontare il trauma, con la consapevolezza che quella sia la porta da spalancare per iniziare un nuovo cammino. Ecco, per noi abituati a vedere nel trauma i germogli del domani, quest’anno di Covid risulta molto soffocante anche da questo punto di vista. E l’immagine di Matteo coccolato dall’infermiera torna a essere rappresentativa. Covid sembra legarci le mani per impedirci di aprire quella porta che si affaccia sul futuro, imprigionando le nostre vite dentro le incertezze e soffocando la capacità progettuale. Il trauma è una dimensione costitutiva della nostra esistenza, e il Covid ce lo ha ricordato in maniera radicale; per questa ragione, per rielaborare tale esperienza e trovare il linguaggio e le strade per superarlo, Passion&Linguaggi gli ha dedicato interamente questo numero, ospitando approfondimenti, racconti, esperienze maturate in diversi campi della vita, delle relazioni, delle istituzioni. Covid ha sospeso il concetto di trauma, stirandolo, rendendolo continuo e trasformandolo, come bene ci spiega Ugo Morelli, in un “trauma a lento rilascio”. Il vischio che ci appiccica addosso un trauma continuo, che colpisce tutti gli aspetti della nostra vita e della nostra socialità impedendo, nei fatti, qualsiasi risposta e spingendoci continuamente verso il basso di un vortice che ci impedisce di vedere vie d’uscita, alimentando l’apatia. E rischiando di farci sprofondare, come ben argomenta Emanuela Fellin, nella “inversione del legame sociale, da fonte di riconoscimento a fonte di minaccia”. Ma senza relazioni diventa anche più difficile immaginare vie d’uscita. Il trauma, come ogni vulnerabilità, come ogni esperienza di fragilità, è sostenibile solo nella relazione. E come in ogni prigionia le risposte possono essere la rassegnazione che ci spegne ogni giorno sempre più, l’evasione scomposta o la progettazione della libertà, fisica e interiore. Ecco, è questa terza via che siamo chiamati a percorrere, anche quando il trauma sembra essere l’eterno macigno che come tanti moderni e contemporanei Atlante, al tempo del Covid, dobbiamo sopportare per tutta la vita. In fondo è quello che ha fatto, ad esempio, Nelson Mandela. Chiuso tra le quattro mura della sua cella per due decenni, Madiba ha saputo riempire di progettazione e amore l’esperienza del trauma che stava vivendo, preparando il terreno per la società che immaginava, anche senza la certezza di poterla respirare. Questa è la sfida che tutti noi abbiamo davanti e la responsabilità che non possiamo sprecare. Se ci pensiamo bene ciò è già iscritto nella natura dell’uomo che nasce vivendo il primo trauma e da quel momento inizia la fantastica avventura della vita, disegnando percorsi e immaginando obiettivi. Ma, come mostra questa fase della storia, i traumi accompagnano sempre la nostra esistenza, e quello prodotto dal Covid, per le cause profonde dalle quali è stato causato, è particolarmente duro da superare, ma forse proprio per questo è anche l’occasione per riprogettare forme di vita più rispettose dell’ambiente e della biodiversità e perciò, per superare il trauma, “rimettendo al mondo il mondo”, come insegna Maria Zambrano. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Desiderio

In questo nuovo numero di Passione Linguaggi abbiamo voluto concentrarci su un tema fondamentale, quello del desiderio. Come nostra abitudine, abbiamo preso...

Crisi del desiderio e società del godimento

“Tutto fu in altri tempi, tutto sarà di nuovo; solo ci è dolce l’attimo del riconoscimento”

Desiderare con dolore la terra giusta. Il migrante due volte straniero

Dialogo con Mohamed Ba, attore, formatore, mediatore culturale, musicista Mohamed lei è nato in Senegal. C’è nelle culture africane...

Desiderio e crisi del desiderio. Immanenza versus trascendenza

Orphée est coupable d'impatience. Son erreur est de vouloir épuiser l'infini, de mettre un terme à l'interminable, de ne pas soutenir sans...

Desiderio di avere le catene

"Non appena io mi muovo in direzione dell'uscita, - dice il protagonista de La tana di Kafka - anche se da me...