Benjamìn Labatut, Quando abbiamo smesso di capire il mondo, Adelphi, Milano 2021

Autore

Ugo Morelli
Ugo Morelli, psicologo, studioso di scienze cognitive e scrittore, oggi insegna Scienze Cognitive applicate al paesaggio e alla vivibilità al DIARC, Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II di Napoli; è Direttore Scientifico del Corso Executive di alta formazione, Modelli di Business per la Sostenibilità Ambientale, presso CUOA Business School, Altavilla Vicentina. Già professore presso le Università degli Studi di Venezia e di Bergamo, è autore di un ampio numero di pubblicazioni, tra le quali: Mente e Bellezza. Arte, creatività e innovazione, Allemandi & C, Torino 2010; Mente e paesaggio. Una teoria della vivibilità, Bollati Boringhieri, Torino 2011; Il conflitto generativo, Città Nuova, Roma 2013; Paesaggio lingua madre, Erickson, Trento 2014; Noi, infanti planetari, Meltemi, Milano 2017; Eppur si crea. Creatività, bellezza, vivibilità, Città Nuova, Roma 2018; Noi siamo un dialogo, Città Nuova Editrice, Roma 2020; I paesaggi della nostra vita, Silvana Editoriale, Milano 2020. Collabora stabilmente con Animazione Sociale, Persone & Conoscenza, Sviluppo & Organizzazione, doppiozero, i dorsi del Corriere della Sera del Trentino, dell’Alto Adige, del Veneto e di Bologna, e con Il Mattino di Napoli.

Qual è il traguardo di ogni conoscenza? 

Quando smettiamo di capire il mondo con le categorie disponibili fino a quel punto, allora dobbiamo smettere di cercare di capirlo come lo si è capito fino a quel momento e avventurarsi verso una forma di comprensione assolutamente nuova. 

Perché hai scelto di scrivere un racconto così intrigante? 

Per portare con me il lettore in alcuni eventi singolari e straordinari che hanno cambiato la vita di tutti a partire dalle scoperte di poche menti geniali che hanno rivoluzionato completamente i nostri modi di conoscere il mondo e di pensare. 

Sono menti che impressionano e coinvolgono per la loro potenza di pensiero… 

Sì, è vero, ma dalla cattura dell’azoto nell’atmosfera da parte di Fritz Haber, fino a Heisenberg a Helgoland queste menti hanno scoperto cose che hanno cambiato definitivamente le nostre vite, e allora forse conviene conoscere qualcosa di più di loro e di quello che hanno intuito. Non solo, ma anche di come lo hanno fatto. 

Fa impressione la lucidità di una mente quando è quasi vicino alla follia… 

Il confine non esiste. La soglia della conoscenza, quel margine straordinario dell’intuizione illuminata in cui un sistema di conoscenze crolla e uno inedito emerge e si configura è una delle esperienze più straordinarie. 

Il libro si legge come un giallo… 

Una scelta narrativa per coinvolgere il lettore, che mi pare molto apprezzata e che non può che farmi piacere; un esempio di divulgazione scientifica riuscita.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Sherry Turkle, Insieme ma soli, Einaudi, Torino 2019

Perché ci aspettiamo sempre più dalla tecnologia e sempre meno dagli altri? È il sottotitolo del suo libro… La...

Il palazzo delle vertigini non ha parete né solai

Il palazzo delle vertigini non ha pareti né solai, c’è una scala sospesa nel vuoto e tutto ondeggia sulla voragine nera, quasi...

Imprinting, Pensare&Agire critico, Solitudine

A proposito di solitudine, spesso mi torna alla mente la storia, che proverò a raccontare, di un amico che dalla giovinezza si...

La solitudine dei corpi

Si può sperimentare la solitudine in due modi: con la mente o col corpo. O, come dicono le neuroscienze cognitive, con la...

La solitudine

La moglie è quasi pronta, almeno così grida dal piano di sopra. Ma non lo è davvero e lui lo sa perché...