Nostalgia dei tempi che furono

Autore

Sofia Pederzolli
Sofia studia e lavora nell'ambito del marketing e della comunicazione, prima turistica e poi di prodotto, poi di nuovo turistica Ama il networking e stare con le persone per creare occasioni "di comunità" e di crescita continua. Svolge attività di volontariato nel settore della cooperazione e della promozione turistica e territoriale grazie alla carica di Vicepresidente dei Giovani Cooperatori Trentini e di consigliera nel direttivo della Pro Loco di Nave San Rocco. Vicina al mondo del non profit, è anche componente del gruppo che è stata rappresentante dei giovani della Conferenza dei Giovani sul Clima del Trentino Alto Adige a Milano, in occasione della PreCop di ottobre 2021.

Cosa vuol dire nostalgia ce lo insegna Ulisse nell’Odissea. A cui mancava Itaca, casa sua, a cui desiderava tanto ritornare. 

Nostalgia come forza creatrice. Recupero della pienezza del tempo. Sentimento che dà conforto. Senso di continuità. Ricordo di radici. Forza per andare avanti. 

“Ho parlato della nostalgia non come di una patologia, ma come una facoltà dell’animo umano che richiama il cuore: la nostalgia è un tornare al cuore” – Marcello Veneziani.

E anche io torno al cuore ed ho nostalgia. Di quando chiedevo lo zucchero ai vicini. Di quando correvo per le strade, o giocavo direttamente in mezzo, alle strade. Di quando la nonna mi sbatteva l’uovo. Per merenda. Perché dovevo crescere. Ho nostalgia di quando i problemi erano relativi a che nome dare alle bambole o quale colore scegliere per disegnare. E di quando correvo in bicicletta. Ho nostalgia anche di quando si tornava a casa da scuola, tutti insieme, tutti in fila. E di quando l’estate si partiva per la montagna. Ho nostalgia dei momenti in cui sognavo il mio futuro. Di quando stavo sola tra i miei pensieri e di quando facevo i compiti. 

Ma ho anche fortuna di ricordare questi momenti della mia infanzia e di conservarli come un tesoro personale ed inestimabile.

Di tutto quello che è stato abbiamo nostalgia: nel bene e nel male. Ricordi di persone, luoghi e profumi che ci permettono di essere chi siamo. Che storia la nostalgia. 

Articolo precedentePotere quotidiano
Articolo successivolI ritorno impossibile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Fiori dolci in un balcone candido

Sedevo sulla mia poltrona rosso bordeaux con accanto un signore che sorseggiava un buon caffè, le mie paesane mi...

Teatro e Convivialità

Il momento rituale rimette in gioco l 'ordine del Tempo rispetto alla dimensione della Morte, dunque, la sospende, vi patteggia, la rimanda...

Convivialità

Platone, che di convivi qualcosa capiva, è stato tra i primi a sostenere che per la trasmissione di conoscenze non fossero sufficienti i...

Impressioni di Dicembre

Scrivo queste righe pochi giorni dopo aver partecipato, per la prima volta, ad un simposio. Immaginavo che fosse ingenuo pensare che questo...

Distopìe conviviali

1.  Tools for conviviality (1973) è uno dei manifesti politici più importanti del post-sessantotto, ma anche un’idea genuinamente originale della convivialità. Idea...