NOME AUTORE

Luana Franchini

1 ARTICOLI
0 Commenti
Sociologa, vice presidente Associazione “Il Cielo nella stanza”, associazione per il contrasto della violenza on line e la prevenzione dei fenomeni patologici legati ad un uso distorto dei social network attraverso incontri e laboratori presso le scuole di ogni ordine e grado e presso comunità locali. Titolo dell’articolo proposto: La metamorfosi del reale moderno attraverso il mito del mare. Abstract: L’articolo si propone di descrivere il web come metamorfosi contemporanea del mito del mare e del suo rapporto con l'uomo, descrivendo le trasformazioni dell'intimità, della conoscenza di sé e della capacità di discernimento. Contiene una riflessione interdisciplinare sulla definizione di Io sociale, come identificato dal sociologo americano Charles Horton Cooley e dal sociologo dell’ interazionismo simbolico Erving Goofman, descrivendo le conseguenze psicologiche e soprattutto relazionali derivanti dalla declinazione dell’ Io social attraverso il web ed i social network fino ad arrivare ad una nuova definizione del sé e del rapporto con il mondo.

La metamorfosi del reale moderno attraverso il mito del mare.

Nel rapporto col mare l’uomo cerca se stesso, e si pone davanti ad esso nudo ed umile, in posizione interrogante ed osservante, davanti al...

Latest news

Fare un salto non è avanzare… ovvero il neoliberista saltatore

...e se tra l'altro fosse meglio arretrare? Si tratterebbe di fare un salto all'indietro. Per quanto difficile quest'ultima soluzione porterebbe in nessun...

F. Basaglia, F. Ongaro Basaglia, La maggioranza deviante. L’ideologia del controllo sociale totale.

UM: Non siete stupiti della ripubblicazione del vostro libro a cento anni dalla nascita di uno di voi e in un'epoca che...

Il salto di Fosbury e la scelta di essere liberi

UNA RIFLESSIONE FILOSOFICA A PARTIRE DALL’IMPRESA DI CITTÀ DEL MESSICO 1968 Le seguenti considerazioni prendono corpo ad un anno...

Ripetizione, salto, crisi. Sulla nascita.

Ripetizione e ricordo sono lo stesso movimento, tranne che in senso opposto: l’oggetto del ricordo infatti è stato, viene ripetuto all’indietro, laddove...

A che basta un salto

«Chi non salta un francese è! È! Chi non salta…». Un coretto scandito e ripetuto più volte da un miscuglio di voci...