NOME AUTORE

Marialaura Di Biase

1 ARTICOLI
0 Commenti
Marialaura Di Biase è membro incaricato dal Comitato don Diana della direzione e gestione di Casa don Diana, bene liberato dalla camorra a Casal di Principe. Laureata in Economia e Management per le arti, la cultura e comunicazione presso l’Università commerciale L.Bocconi di Milano, torna nella sua terra natia per lavorare presso il Teatro Nuovo di Napoli e ricominciare la sua attività di impegno con gli scout che aveva lasciato per seguire gli studi. Nel gruppo di Aversa incontra Valerio Taglione, coordinatore del Comitato don Diana, che le chiede di occuparsi prima dei campi di Estate Liberi organizzati con il coordinamento provinciale di Caserta, e poi della segreteria del Comitato don Diana. Dal 2016, è incaricata di seguire le attività del bene confiscato grazie alla sua esperienza sia in animatore ed educatore di comunità, sia per le competenze tecnico - amministrative.

Valerio e il suo sogno

Valerio ha speso la propria vita a favore degli altri, per gli ideali di libertà dai sistemi criminali, e per la giustizia, per ristabilire...

Latest news

Entrare in scena, prendere la parola, esprimere sé stessi. L’apprendimento dei giovani come emancipazione dal monopolio narrativo del potere. Dialogo con Cesare Moreno

Intervista a Cesare Moreno, Maestro di Strada a Napoli By Rosario Iaccarino Indifferenza, ostilità, paternalismo, cinismo....

I paesi che non investono sui giovani non credono nel proprio futuro

La caratteristica principale delle società moderne avanzate è quella del cambiamento accelerato e della crescente complessità della realtà in cui viviamo, da...

Giovani ed estero: farsi stranieri

Abbiamo chiesto ad una giovane dottoranda, attualmente impegnata in un lavoro di ricerca svolto in cotutela sui due fronti di Italia e...

Differenze o diffidenze, questo è il dilemma.

Nel corso degli ultimi 10 anni ho studiato, vissuto e lavorato in contesti molto diversi tra loro: Milano, Londra, Venezia, Roma, Kuwait...

Inopportunità

Mi sono laureato all’inizio della pandemia, a marzo 2020. Non so se questo possa essere considerato il “peccato originale” della situazione in...