Emergenza, panico e riflessione

Autore

Roberto De Simone
Roberto De Simone è scrittore, musicista, compositore, regista teatrale, drammaturgo, musicologo e etnomusicologo di fama internazionale, studioso delle tradizioni ed espressività popolari. E’ stato Direttore artistico (1981-87) del Teatro San Carlo di Napoli; nel 1995 è stato nominato per chiara fama Direttore del conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, carica dalla quale si è dimesso nel 2000. E’ Accademico di Santa Cecilia dal 1998. Fondatore nel 1967 della Nuova Compagnia di Canto Popolare, e successivamente del Gruppo Media Aetas; dal 2012 dirige con Mariano Bauduin il Centro Musicologo e Etnomusicologo “Carlo Gesualdo” di Portici.

Ogni emergenza reca in primo luogo il panico d’una fine, il tramonto oscurante del tempo, in cui l’arresto del divenire genera fantasmi e induce al confiteor speculare. Domanda: ma siamo sicuri che la cultura di massa non abbia già prodotto un subdolo, aggressivo virus che da due generazioni ha attaccato la cultura e l’arte svuotandole dei loro valori umani, storici, etici ed estetici? Ebbene, ripercorrendo il recente passato, si va delineando la convinzione che l’onnivora borghesia opulenta ha consumato il prodotto artistico esclusivamente come proprio attestato di rappresentanza culturale, ponendo in primo piano il divismo audiovisivo degli interpreti (sia pure ottimi sotto il profilo professionale) ma trascurando (o oscurando) l’alto significato dell’opera d’arte che, ricreativamente, al di là del tempo, rinnova la linfa perenne del pensiero umano, inducendo i fruitori alla libertà di giudizio e alla critica della società in cui si è inseriti come ciechi e sordi. 

Il dramma dell’attacco al cuore dell’immaginario è già affiorato negli artisti all’inizio del Novecento, quando i giganti profetici della creatività: da Stravinskij a Picasso, da Pirandello a Brecht, da Wedekind a Bartok, da Wilde e Majakovskij, han gettato l’allarme sulla disumanizzazione prodotta dal capitalismo industriale, lanciando provocatoriamente alla ribalta del mondo perbenistico il Futurismo, il cabaret, il cinema come arte, il jazz, il Cubismo, la dodecafonia e altro. In campo poetico-musicale emerge l’alto senso affidato alla trascrizione, come corrosiva critica ad un pubblico d’élite, che presume di leggere autorevolmente i valori di un prodotto poetico, ma che, all’opposto, ne ha travisato i significati, trasformandoli in occasione di autoreferenzialità. Come a dire che la finzione ha prevaricato la funzione.  

Insigni trascrittori in senso critico furono Bartok, Satie, Rimskij-Korsakov, Debussy, Busoni, che, non limitandosi passivamente a ripercorrere i suoni scritti di un’opera, quelli stilistici ed orali emarginati dall’ufficialità, ne svelarono i sensi riposti, mai còlti precedentemente dai cosiddetti musicologi, e quindi mettendo a nudo l’ignoranza ufficiale del pubblico in smoking, consumatore di caviale, ostriche e maionese sinfoniche. Perfino oggi, in cui la giacca doppio petto con cravatta è stata sostituita snobisticamente da ipocriti blue jeans e magliette, in realtà è da considerare che quel pubblico è in grado solo di fruire della cosiddetta musica leggera, e delle altre insipienze di massa. Al presente, esecuzioni del Requiem di Verdi (sia pure egregiamente eseguito), della Nona sinfonia di Beethoven, paradossalmente trasferite in uno stadio e riprese televisivamente in mondovisione, assumono lo stesso significato d’un contenitore usa e getta di Schweppes e di patatine fritte, offerto in omaggio da un politico o da un titolare di alta finanza, ai fini della personale nominanza mediatica. E’ avvenuto, insomma, ciò che annunciavano Stravinskij e Picasso quando vedevano, con raccapriccio in anticipo, il cadavere dell’opera d’arte come oggetto fossilizzato nelle stratificazioni d’una discarica. Al pari, gli insensati propositi di didattica a distanza, oppure l’esecuzione di musica cameristica con esecutori distanziati a norma di legge, indicano compiutamente la distanza politica dal senso esecutivo e conoscitivo di una esecuzione musicale, giustificando le restrizioni in senso cautelativo. A tal punto, si può mai obbiettare sulla cautela protettiva? E agli artisti che cautela resta se non darsi all’ippica, privati, come sono, della loro funzione comunicativa? O non sarebbe opportuno restaurare l’antica comunicazione a distanza mediante la sola percussione dei tamburi? Ma non toccherebbe proprio agli artisti la ricerca di un vaccino poetico che isoli e debelli il delittuoso virus industriale?  

[Testo tratto dalle note all’Opera  del Maestro Roberto De Simone “Concerto tra scrittura e trascrittura”, tenutosi al Teatro San Carlo di Napoli il 26 luglio 2020] 

Articolo precedenteLa cultura che cura
Articolo successivoUn’occasione da non perdere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Fëdor Dostoevskij, Umiliati e offesi, 1861, Einaudi, Torino

Perché ha voluto descrivere con tanta precisione i sentimenti di umiliazione di fronte alla decadenza delle condizioni...

Educazione e umiliazione

Come sempre più spesso accade, quando ci riuniamo discorriamo su quale potrà essere il tema del successivo numero della rivista.

Umili e umiliati

A volte le parole ci tradiscono, o meglio: ci tradisce il loro instabile significato. L’umiltà è assimilata alla perfezione: Petrarca la trova...

Umiliazione, strumento di potere

Quando si sente qualcuno, specie se in posizione di rilievo, affermare una sciocchezza sesquipedale è buona regola non seguire l’istinto di riderci...

L’ordine non è armonia e la vera forza non umilia

È un trend, una moda, una strategia di marketing, una presa di coscienza autentica oppure solo un modo di lavarsi la coscienza...