Roberto Esposito, Istituzione, Il Mulino, Bologna 2021

Autore

Ugo Morelli
Ugo Morelli, psicologo, studioso di scienze cognitive e scrittore, oggi insegna Scienze Cognitive applicate al paesaggio e alla vivibilità al DIARC, Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II di Napoli; è Direttore Scientifico del Corso Executive di alta formazione, Modelli di Business per la Sostenibilità Ambientale, presso CUOA Business School, Altavilla Vicentina. Già professore presso le Università degli Studi di Venezia e di Bergamo, è autore di un ampio numero di pubblicazioni, tra le quali: Mente e Bellezza. Arte, creatività e innovazione, Allemandi & C, Torino 2010; Mente e paesaggio. Una teoria della vivibilità, Bollati Boringhieri, Torino 2011; Il conflitto generativo, Città Nuova, Roma 2013; Paesaggio lingua madre, Erickson, Trento 2014; Noi, infanti planetari, Meltemi, Milano 2017; Eppur si crea. Creatività, bellezza, vivibilità, Città Nuova, Roma 2018; Noi siamo un dialogo, Città Nuova Editrice, Roma 2020; I paesaggi della nostra vita, Silvana Editoriale, Milano 2020. Collabora stabilmente con Animazione Sociale, Persone & Conoscenza, Sviluppo & Organizzazione, doppiozero, i dorsi del Corriere della Sera del Trentino, dell’Alto Adige, del Veneto e di Bologna, e con Il Mattino di Napoli.

Prof. Esposito, verrebbe da dire, ancora l’istituzione?

Eh! Sì. Tutte le volte che proviamo a farne a meno non finisce bene.

Come mai?

Siamo esseri istituenti, noi umani, e siamo esseri sociali. Ciò significa che la nostra vita tende agli altri e con gli altri creiamo relazioni, la prima forma istituente, cercando contenitori per vivere quelle relazioni nel tempo.

Ma poi, così, ci ingabbiamo…

Questo è un rischio continuo come continua è la nostra tensione istituente. Oscilliamo, infatti, tra il ritenere l’istituzione solo una realtà repressiva da abbattere, e il pensare che lo spontaneismo ci possa bastare. Eppure, alcuni, da qualche parte, magari in modi inappropriati, stanno intanto cercando di creare qualcosa di condiviso e di relativamente stabile.

Non si può scegliere, dunque, tra vita e istituzione?

Una via necessaria è proprio la connessione reciproca tra queste due dimensioni. Non è facile. È però quello che sto cercando di portare avanti con la mia ricerca e, ritengo, quel che più è necessario oggi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione

Di Richard Sennett, edito per Feltrinelli (Milano, 2014) Ugo Morelli: In cosa consiste la novità di sottolineare la rilevanza...

Cooperare per corrispondere

Nel corso della storia, diversi pensatori ci hanno aiutato a considerare come le cose cambino in base alla prospettiva dalla quale le...

La cooperazione come facoltà della specie umana

Secondo Marx, «nella cooperazione pianificata con altri l’operaio si spoglia dei suoi limiti individuali e sviluppa la facoltà della specie». Più recentemente...

Il paradosso della scarsità e la necessità di una nuova stagione cooperativa

È ormai ampiamente noto che il benessere (well-being) delle persone è associato non solo ai bisogni materiali, ma anche – e soprattutto...

La prima cooperazione… è anche l’ultima

Mi porto con me fin dalle origini il mio conosciuto non pensato. È la mia illusione, – lo spazio vitale in cui gioco...