Per una nuova forma di vita

Autore

Emanuela Fellin
Emanuela Fellin, pedagogista clinica, svolge la sua attività professionale, di studio, ricerca e consulenza per lo sviluppo individuale, sia con l’infanzia e l’adolescenza, che con gli adulti. Si occupa di interventi con i gruppi e le organizzazioni per la formazione e lo sviluppo dell’apprendimento e della motivazione. L’impegno di studio e applicazione è rivolto agli interventi nei contesti critici dell’educazione contemporanea, sia istituzionali che scolastici. Le tematiche principali di interesse vertono sui concetti di vivibilità, ambiente, cura e apprendimento. I metodi utilizzati sono quelli propri della ricerca-intervento e della consulenza al ruolo per lo sviluppo individuale e il sostegno alle dinamiche dei gruppi e delle organizzazioni.

Una nuova forma di vita è necessaria.

Ad evidenziarlo è la precarizzazione sempre più diffusa della forma di vita che ci siamo dati e che mostra tutti i suoi fallimenti. Il compito educativo con cui riteniamo si possa affrontare prioritariamente la precarietà, che è il filo conduttore di questo numero della nostra rivista, oggi necessita di cambiare di segno. L’educazione, che tutt’ora viene spesso relegata alle azioni della scuola e poco più, necessità di essere riconosciuta come azione continua e diffusa per lo sviluppo della discontinuità e della creazione di una socialità inedita. 

Edward O. Wilson, il grande biologo evoluzionista che ci ha appena lasciati, aveva usato recentemente un’immagine particolarmente eloquente per descrivere i fallimenti e la conseguente precarietà del nostro modello di sviluppo e della nostra forma di vita. Parlando di come viviamo, Wilson aveva fatto riferimento agli incendi della Foresta Amazzonica e aveva sostenuto che bruciare l’Amazzonia per fare soldi è come bruciare un Caravaggio per farsi la cena. 

Gli effetti della precarizzazione, come aveva documentato in anticipo Judith Butler, in quel libro insuperato che è Vite Precarie, riguardano gli aspetti portanti della nostra esperienza di vita, gli stessi su cui l’azione di rieducazione di noi stessi deve cercare le vie per agire. Un diaframma insuperabile nella maggior parte dei casi si frappone tra le aspettative e i progetti di vita delle giovani generazioni e la possibilità anche minima di esprimere se stessi.

I metodi e i contenuti con cui educhiamo le giovani generazioni si muovono ad ogni evidenza con la testa rivolta all’indietro. Abbiamo sostituito una società della cura con una società contabile.

Compito prioritario è smettere di utilizzare contenuti e modelli del passato pre pandemico, per leggere il presente e pensare il futuro. Le testimonianze e i contenuti dei contributi di questo numero, dando voce a esponenti delle giovani generazioni, parlano già un’altra lingua, da cui è indispensabile partire. 

Basterebbero il lavoro, l’educazione e la cura per concepire un’azione educante in grado di creare un presente vivibile e un senso di futuro. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Desiderio

In questo nuovo numero di Passione Linguaggi abbiamo voluto concentrarci su un tema fondamentale, quello del desiderio. Come nostra abitudine, abbiamo preso...

Crisi del desiderio e società del godimento

“Tutto fu in altri tempi, tutto sarà di nuovo; solo ci è dolce l’attimo del riconoscimento”

Desiderare con dolore la terra giusta. Il migrante due volte straniero

Dialogo con Mohamed Ba, attore, formatore, mediatore culturale, musicista Mohamed lei è nato in Senegal. C’è nelle culture africane...

Desiderio e crisi del desiderio. Immanenza versus trascendenza

Orphée est coupable d'impatience. Son erreur est de vouloir épuiser l'infini, de mettre un terme à l'interminable, de ne pas soutenir sans...

Desiderio di avere le catene

"Non appena io mi muovo in direzione dell'uscita, - dice il protagonista de La tana di Kafka - anche se da me...