test

Caro De Martino

Autore

Ugo Morelli
Ugo Morelli, psicologo, studioso di scienze cognitive e scrittore, oggi insegna Scienze Cognitive applicate al paesaggio e alla vivibilità al DIARC, Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II di Napoli; è Direttore Scientifico del Corso Executive di alta formazione, Modelli di Business per la Sostenibilità Ambientale, presso CUOA Business School, Altavilla Vicentina. Già professore presso le Università degli Studi di Venezia e di Bergamo, è autore di un ampio numero di pubblicazioni, tra le quali: Mente e Bellezza. Arte, creatività e innovazione, Allemandi & C, Torino 2010; Mente e paesaggio. Una teoria della vivibilità, Bollati Boringhieri, Torino 2011; Il conflitto generativo, Città Nuova, Roma 2013; Paesaggio lingua madre, Erickson, Trento 2014; Noi, infanti planetari, Meltemi, Milano 2017; Eppur si crea. Creatività, bellezza, vivibilità, Città Nuova, Roma 2018; Noi siamo un dialogo, Città Nuova Editrice, Roma 2020; I paesaggi della nostra vita, Silvana Editoriale, Milano 2020. Collabora stabilmente con Animazione Sociale, Persone & Conoscenza, Sviluppo & Organizzazione, doppiozero, i dorsi del Corriere della Sera del Trentino, dell’Alto Adige, del Veneto e di Bologna, e con Il Mattino di Napoli.

Caro De Martino, ti è toccata, in un paese senza memoria e con scarso senso del futuro come quello in cui sei nato, una sorte simile a quella di Gramsci: mentre il mondo vi riconosce sempre più ampi tributi, nella cosiddetta patria si fa festa, ma non nel senso che intendevi tu…

Verrebbe voglia di stare zitto, ma non ne sono capace. Lo sforzo per comprendere le ragioni della decomposizione e i motivi per cui i rituali che consolidavano le società, come la festa, sono divenuti routine, è stato uno dei motivi della mia vita di studioso. Non mi ha mai interessato la contemplazione del passato e ho concepito l’antropologia come una cartina di tornasole in cui il passato illuminasse il presente e il presente fosse inteso come il tempo della convivenza di tutte le storie degli umani.

La festa, in particolare, perché ti ha interessato?

Non ci crederai, ma più per la sua natura tragica che per altro. La messa in scena di sé stessi con gli altri e l’allentamento o l’estrema intensificazione delle regole sono state prove di tenuta delle società, un’occasione per mettersi, appunto, alla prova. Guai a quella società o a quel gruppo che fa, invece, della festa un modo per evitare di pensare e di mettersi alla prova. 

Perché dici così?

La festa è ansiogena. La sua fine è liberatoria. Eppure cerchiamo la festa, ormai senza sapere perché e per chi, o chi si sta festeggiando. Dobbiamo per lo meno cogliere l’occasione per riflettere su noi. 

Riflettere, responsabilità…

A un certo punto mi sono chiesto cosa volessero quei tre da me, quelli che si erano avvicinati, ma poi hanno commentato per bocca di uno di loro, di lasciarmi stare perché non sembravo, ma ero, un poveraccio. Non volevano nulla, se non capire perché avessi voluto porre le questioni della ritualità, della fuoriuscita da sé, della fine di un intero mondo. Ho detto a quei tre, la ragione, l’ideale e la finalità, che le cose e le vicende degli umani traboccano la nostra stessa capacità di comprenderle.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Semplice: sono schiavi

Se guardi meglio non fai fatica ad accorgertene. Si tratta di nuove forme di schiavitù. È solo la nostra incapacità di vedere,...

Vedere con semplicità

Apparentemente semplice, la struttura fisiologica dell’occhio umano comporta un livello di complessità straordinario nella modalità di passaggio dal mondo esterno alla percezione...

Sulla difficoltà di essere semplici

DODICI VIRTÙ PER DIVENIRE UN PO’ PIÙ UMANI Sembra paradossale, ma essere uomini semplici non è facile. Per convincersene...

Semplicità della legge: un sogno illuministico?

Che cosa significa, per un giurista, semplicità? Siamo eredi della crociata condotta dall’illuminismo giuridico contro...

Semplicità

«Falla semplice». Me lo sono sentito dire molti anni fa da miei compagni di escursioni dolomitiche, quando ero studente universitario e volevo...