Maddalena Fingerle, Lingua madre, Italo Svevo Editore, Trieste 2021

Autore

Ugo Morelli
Ugo Morelli, psicologo, studioso di scienze cognitive e scrittore, oggi insegna Scienze Cognitive applicate al paesaggio e alla vivibilità al DIARC, Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II di Napoli; è Direttore Scientifico del Corso Executive di alta formazione, Modelli di Business per la Sostenibilità Ambientale, presso CUOA Business School, Altavilla Vicentina. Già professore presso le Università degli Studi di Venezia e di Bergamo, è autore di un ampio numero di pubblicazioni, tra le quali: Mente e Bellezza. Arte, creatività e innovazione, Allemandi & C, Torino 2010; Mente e paesaggio. Una teoria della vivibilità, Bollati Boringhieri, Torino 2011; Il conflitto generativo, Città Nuova, Roma 2013; Paesaggio lingua madre, Erickson, Trento 2014; Noi, infanti planetari, Meltemi, Milano 2017; Eppur si crea. Creatività, bellezza, vivibilità, Città Nuova, Roma 2018; Noi siamo un dialogo, Città Nuova Editrice, Roma 2020; I paesaggi della nostra vita, Silvana Editoriale, Milano 2020. Collabora stabilmente con Animazione Sociale, Persone & Conoscenza, Sviluppo & Organizzazione, doppiozero, i dorsi del Corriere della Sera del Trentino, dell’Alto Adige, del Veneto e di Bologna, e con Il Mattino di Napoli.

Che cosa significa vivere a un crocevia linguistico?

È come essere in un crogiolo, immersa in una molteplicità di segnali, ognuno dei quali sembrerebbe andare per conto proprio, e tu lì a tenerli insieme.

Come accade nel romanzo Lingua Madre, provi a scappare…

Sì, ma ovunque tu vada ti accorgi di essere quasi sempre nello stesso posto…

Ne scaturisce però anche una possibilità di creare un mondo narrativo originalissimo…

È come un distillato. Qualcosa che attinge da un incontro tra mondi e che finisce per attraversarti tuo malgrado. Forse questa è la vita stessa e l’ibridazione di mondi plurilingue come l’Alto Adige-Süd Tirol, con tutte le contraddizioni e le possibilità, ti fa scoprire che non puoi avere una cosa senza l’altra. 

Un’inquietudine che attraversa tutto il libro con una forza che la giuria del Premio Calvino 2020 ha riconosciuto, oltre a tutti gli altri riconoscimenti per una scrittrice di 27 anni.Rappresentare un mondo con la scrittura, per una via narrativa impegnativa e originale mi ha dato la possibilità di raccontare il mio mondo interno. È stata l’esperienza più bella.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Fare un salto non è avanzare… ovvero il neoliberista saltatore

...e se tra l'altro fosse meglio arretrare? Si tratterebbe di fare un salto all'indietro. Per quanto difficile quest'ultima soluzione porterebbe in nessun...

F. Basaglia, F. Ongaro Basaglia, La maggioranza deviante. L’ideologia del controllo sociale totale.

UM: Non siete stupiti della ripubblicazione del vostro libro a cento anni dalla nascita di uno di voi e in un'epoca che...

Il salto di Fosbury e la scelta di essere liberi

UNA RIFLESSIONE FILOSOFICA A PARTIRE DALL’IMPRESA DI CITTÀ DEL MESSICO 1968 Le seguenti considerazioni prendono corpo ad un anno...

Ripetizione, salto, crisi. Sulla nascita.

Ripetizione e ricordo sono lo stesso movimento, tranne che in senso opposto: l’oggetto del ricordo infatti è stato, viene ripetuto all’indietro, laddove...

A che basta un salto

«Chi non salta un francese è! È! Chi non salta…». Un coretto scandito e ripetuto più volte da un miscuglio di voci...