Liberi di essere liberi

Autore

Aurora Martinelli
Aurora Martinelli, nata nel 1998, dopo gli studi classici ha conseguito una Laurea Triennale in Storia presso l’Università degli Studi di Padova con una tesi dal titolo “La lunga liberazione. La questione della specificità femminile nelle esperienze post Olocausto” con la professoressa Enrica Asquer. Attualmente sta studiando Graphic Design presso la Libera Accademia di Belle Arti di Rovereto e contemporaneamente porta avanti gli studi nell’ambito della Laurea Magistrale in Scienze Storiche sempre presso l’Ateneo di Padova, mossa dal desiderio di unire le due anime e lavorare nel campo della comunicazione culturale. Da qualche anno collabora con la Fondazione Trentina Alcide De Gasperi, sia come guida museale, sia come formatrice nei percorsi didattici proposti dalla fondazione alle scuole del Trentino.

Il 2 dicembre ricorre la giornata mondiale per l’abolizione della schiavitù. Quel giorno, nel 1949, l’ONU approvava una Convenzione per la repressione del traffico di persone e dello sfruttamento della prostituzione. La sera in cui ho scoperto il motivo per cui questa giornata ricorre proprio il 2 dicembre, ero a cena con un’amica che ha viaggiato più volte in Thailandia. Mi raccontava di essersi sentita a disagio nel percepire quanto l’economia di quel Paese ruotasse attorno al turismo sessuale. Stando alla sua esperienza, questo tipo di turismo sarebbe piuttosto normalizzato, ma il confine tra lavoro e sfruttamento non sempre così evidente. Al tempo stesso, tuttavia, sono le donne stesse che talvolta riescono a sfruttare il sistema a proprio favore, chiedendo ai turisti dei prezzi decisamente vantaggiosi – per sé stesse, non per loro. Abbiamo lasciato cadere il discorso, consapevoli di non avere, né io né lei, i mezzi per fare un’analisi accurata di un tema così complesso e delicato. Questo input, però, ha aperto delle riflessioni più ampie. Certi tipi di sfruttamento e schiavitù, i nostri occhi occidentali tendono a non vederle. Pur sapendo che esistono, sono lontane da noi e finché non ci riguardano direttamente non ci toccano. Esistono però delle forme di sottomissione che non vediamo nonostante si trovino vicino a noi, tra di noi, o addirittura dentro di noi. Forse non siamo consapevoli a sufficienza da accorgercene, oppure non le vediamo perché le chiamiamo in altri modi. Perché “schiavitù” è una parola forte e nessuno di noi la utilizzerebbe volentieri per descrivere la propria condizione. Già “dipendenza”, non meno pesante, è però forse più comprensibile, più accettabile, in qualche modo. Tutti accettiamo, anche ironicamente, di essere dipendenti dal telefono, dal fumo, dal caffè, da un’abitudine più o meno sana che scandisce le nostre giornate. Una cosa senza la quale daremmo di matto. Una cosa di cui non riusciamo a liberarci, pur quando consapevoli dei danni che comporta. Forse sta proprio qui il confine tra schiavitù e dipendenza: nella dipendenza, la libertà non è sempre percepita come l’alternativa migliore, come l’opposto, perché ciò da cui si dipende apparentemente porta più benefici. Anche se, a ben guardare, l’opposto della schiavitù non è una libertà generica, ma la libertà di scegliere. La libertà può tornare in ogni momento ad essere sacrificata, consapevolmente o meno, in nome di insidie, di idoli o illusioni che si rivelano catene più o meno evidenti, ma finché la possibilità di scegliere viene tutelata, resta forse tutelato anche uno spazio intoccabile di libertà. 
Ogni volta che scegli tu scegli / il tipo di schiavo / che non sarai.
[Lo Stato Sociale, Niente di speciale]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Vita fine a se stessa

In Perfect Days, la camera di Wim Wenders segue la vita di Hirayama ogni giorno, e noi che lo guardiamo di giorno...

Togliere, sottrarre, ritrarsi

Sì, Agostino aveva ragione. Siamo fatti di qualcosa che non c’è: il passato e il futuro. Ma oggi ne siamo terrorizzati e...

Non togliamoci l’abisso della perdita

«È vero senza menzogna, certo e verissimo, che ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò...

Cinema, arte del togliere

Volendo estremizzare (ma nemmeno tanto) si potrebbe sostenere che il cinema sia la forma d’arte che fa proprio del “togliere” una delle...

Togliere l’identità

Come per gli dei, così per l’identità: l’interesse sta nel domandarsi come e perché li inventiamo, dal momento che non esistono.