test

Fill the Space. Riempire lo spazio della convivialità

Autore

Fan Yili
Pluripremiata sceneggiatrice e direttrice di festival cinematografici e teatrali internazionali, nonché un'educatrice innovativa. Fill the Space è un metodo di apprendimento collettivo dinamico che Fan ha perfezionato dal 2012. Il documentario educativo d'esordio di Fan, Il piccolo principe con la maschera, è stato selezionato da 12 festival cinematografici internazionali, tra cui il Premio della giuria al cortometraggio per bambini, Festival nel Regno Unito; e il Premio della Giuria al Samskara International Festival in India.

“Continuate a camminare all’indietro e cercate un gruppo. Ma non potere usare parole o fare gesti con la mano. Sbattete solo le palpebre”. Ho detto ai miei studenti. È così che ho organizzato i gruppi nell’attività “Riempi lo Spazio“. I miei studenti camminano all’indietro verso i compagni che preferiscono e si sbattono le palpebre a vicenda. Se gli studenti sono d’accordo a formare un gruppo, camminano insieme all’indietro. Se gli studenti non vogliono unirsi o vogliono cambiare gruppo, sono liberi di avvicinarsi a una nuova persona e di sbattere le palpebre per trovare un nuovo gruppo in qualsiasi momento. Le collaborazioni possono iniziare o finire senza dire una parola. Camminare insieme in silenzio. Camminare separati in silenzio. La libertà si rispetta in silenzio. Perché camminare all’indietro? Perché camminare all’indietro rende le persone più consapevoli della sicurezza rispetto al camminare in avanti. La sicurezza è il diritto umano più elementare.

Riempi lo Spazio” è un paradigma educativo che sto perfezionando dal 2012. Invita gli esseri umani a utilizzare la complessità per sviluppare l’intelligenza collettiva nello stesso ambiente. Prepara gli esseri umani alla trasformazione della loro identità da “forza lavoro” a “non forza lavoro” in una società intelligente, quando l’intelligenza artificiale diventerà la nuova forza lavoro.

In una società intelligente, gli esseri umani saranno connessi alle macchine intelligenti in modo più stretto che mai e le opportunità per gli esseri umani di interagire nello stesso luogo saranno sempre più limitate. Quando ci incontriamo attraverso una macchina, di solito vediamo solo la metà superiore del corpo dell’altro e usiamo la vista e l’udito. Quando invece ci troviamo nello stesso spazio, utilizziamo i cinque sensi e l’intero corpo. Le macchine semplificano i comportamenti cognitivi umani. Solo l’uomo può far progredire ulteriormente la complessità cognitiva umana. Perché l’interazione tra uomo e macchina è semplice. Al contrario, l’interazione tra gli esseri umani è complessa.

Gli esseri umani hanno un bisogno innato di lavorare in modo creativo e indipendente con altri esseri umani e con il loro ambiente. L’ho imparato dalla mia esperienza di insegnante negli Stati Uniti.

In Cina ero un regista teatrale e un insegnante di recitazione. Ho insegnato regia e recitazione presso il dipartimento di cinema dell’Accademia Centrale di Belle Arti di Pechino. Inizialmente ho ideato “Riempi lo Spazio” per formare studenti universitari e adulti. Ho iniziato la mia carriera di insegnante in una scuola pubblica negli Stati Uniti nel 2020. Ho potuto applicare “Riempi lo Spazio” a bambini in età prescolare, a ragazzi e adolescenti, allo sviluppo professionale degli educatori e alla costruzione di comunità. Tuttavia, è stato molto impegnativo. Essendo l’unica insegnante di teatro della scuola, insegno ogni giorno a circa 100 bambini diversi, dai 4 ai 10 anni. Mi vedono una volta alla settimana, mentre io insegno a quasi 500 bambini alla settimana. Ogni giorno è un gioco di sopravvivenza.

L’estate scorsa ho diretto un campo estivo di animazione in stop-motion per una settimana. Come mi aspettavo, si sono iscritti al campo solo studenti bravi, perché l’animazione in stop-motion richiede molta concentrazione e pazienza. Pensavo che mi sarebbe piaciuto insegnare loro nozioni avanzate senza la distrazione della gestione della classe.

Tuttavia, mi sbagliavo! Mi sembrava di essere al Polo Sud. Io insegnavo, loro ascoltavano ed eseguivano rapidamente e in silenzio. L’atmosfera era incredibilmente noiosa. Così ho cambiato il mio programma di lezione. Ho fornito loro solo un compito per la giornata e il materiale di consumo. Potevano scegliere come lavorare. Tutto ha preso vita in una volta sola.

L’aula è stata trasformata in uno studio per artisti in residenza. Ogni giorno gli studenti potevano scegliere se lavorare in gruppo o da soli. Erano liberi di muoversi e di lavorare come volevano. Non smettevano mai di lavorare, anche durante il pranzo e la ricreazione. Hanno fatto le notti a casa degli altri per lavorare ai loro progetti giorno e notte. L’ultimo giorno del campo, ho organizzato un piccolo festival cinematografico per proiettare i loro lavori di animazione in stop-motion. Allora mi sono resa conto di quanto le esigenze dei nostri studenti fossero limitate dall’attuale sistema educativo. In un modello incentrato sullo studente, gli insegnanti dovrebbero essere i fornitori di uno spazio sicuro, creativo e libero in cui tutti possano imparare dalle passioni degli altri.

Riempi lo Spazio” è un modello di apprendimento collettivo che si basa sulla naturale complessità degli esseri umani per stimolare l’apprendimento, la condivisione e la creatività in modo collaborativo. Iniziare è molto semplice. Basta “camminare”. Tuttavia, a seconda dell’obiettivo di formazione, è come un algoritmo matematico che può essere iterato in strutture molto complesse fino al completamento dell’obiettivo di formazione. Si inizia con tre comandi di base: “riempi-lo-spazio”, “congelare” e “sciogliere”. Il primo comando, “riempi-lo-spazio”, proprio come il nome del metodo, viene interpretato o eseguito semplicemente come “cammina”. Tuttavia, la “camminata” deve soddisfare contemporaneamente tre condizioni: non seguire, mantenere lo spazio in equilibrio e continuare a muoversi. Quando gli studenti soddisfano le aspettative dei tre comandi di base di “Riempi lo spazio“, aggiungo altri comandi, come “girare”, “camminare all’indietro” e “cercare un gruppo con gli occhi lampeggianti”. Una volta creati i gruppi, i testi e i compiti di gruppo possono essere integrati tra i comandi. Il testo può essere un elenco di domande aperte, una sceneggiatura, una canzone o una poesia. Il compito di gruppo può essere.

una presentazione, una performance, un breve film o un progetto per il futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Semplice: sono schiavi

Se guardi meglio non fai fatica ad accorgertene. Si tratta di nuove forme di schiavitù. È solo la nostra incapacità di vedere,...

Vedere con semplicità

Apparentemente semplice, la struttura fisiologica dell’occhio umano comporta un livello di complessità straordinario nella modalità di passaggio dal mondo esterno alla percezione...

Sulla difficoltà di essere semplici

DODICI VIRTÙ PER DIVENIRE UN PO’ PIÙ UMANI Sembra paradossale, ma essere uomini semplici non è facile. Per convincersene...

Semplicità della legge: un sogno illuministico?

Che cosa significa, per un giurista, semplicità? Siamo eredi della crociata condotta dall’illuminismo giuridico contro...

Semplicità

«Falla semplice». Me lo sono sentito dire molti anni fa da miei compagni di escursioni dolomitiche, quando ero studente universitario e volevo...