ARCHIVE

Archivi Mensili: August, 2023

Nove Secondi

Sento che mi tocca, e so cosa devo fare. Parto subito. Uno. Non mi sono nemmeno accorta di come si sia avvicinato....

Mantenersi nella sofferenza. Etimologia dell’attesa

«Se c'è una cosa che mi fa spaventareDel mondo occidentaleÈ questo imperativo di rimuovere il dolore» Brunori...

«È proprio dell’uomo attendere»

Un invito alla lettura delVisconte dimezzato a partire dalla trascendentalità dell'attesa. Leggere Calvino equivale ad accostare un’esperienza culturale...

Pazienza come tempo di libertà

«Come si vede la parola d’ordine (che io stesso fino alla noia ripeto), la regola fondamentale della democrazia è la pazienza».

Attese umanizzanti. Il gioco degli scacchi nell’ottica di una sociologia dell’attesa.

Vi sono tempi d’attesa biologici che non si possono aggirare: i mesi di gestazione di una gravidanza, le fasi della vinificazione, le...

Esistere è aspettare

Andare sulla fune è vivere,tutto il resto è aspettare. Karl Wallenda Passando di là,...

Kundera, il tempo dell’attesa, della nostalgia e dell’identità

Quarant'anni. Tanto ci è voluto perché allo scrittore Milan Kundera venisse restituita la cittadinanza del suo Paese d'origine, la Repubblica Ceca, che...

Spunte blu

L’inizio di un nuovo qualsiasi evento significativo scandisce, nelle nostre vite, un momento carico di aspettative e di riflessioni. Tutto è condizionato e governato...

Lancette nella schiena

Ho dimenticato l’orologio in trenovado a fare una passeggiata sta voltanon ricordo la strada,giro a destrae poi a sinistrasono un po’ sbadata...

Latest news

Antonino Pennisi, L’ottava solitudine. Il cervello e il lato oscuro del linguaggio, Il Mulino, Bologna 2024

Ugo Morelli: Se c’è un’esperienza che ognuno pensa di poter definire abbastanza facilmente, quella è la solitudine. Ma è poi così vero...

Il blocco dello scrittore, ma non solo…

Ore 5.00 la sveglia suona come tutte le mattine dal lunedì al venerdì, non sbaglia un colpo, finché non glielo permetto io.

Ridotti al silenzio dalle nostre chiacchiere?

«La parola è un sintomo di affetto E il silenzio un altro» Emily Dickinson, Silenzi,UEF, 1990

Scrivere: rivoluzionario più che disubbidiente

La sala è la stessa e il protagonista è il medesimo che, nel frattempo, non ha perso né fama, né carisma. Eppure,...

Risposta alla domanda: “Quale il senso di parlare a questa umanità distratta, disgregata ed in crisi che non perde occasione di manifestarsi tale ogni...

Al di là di ogni pubblica confessione, che pure qui può leggersi in controluce, lo scrivere oggi non è più possibile. La...